stampa
  invia
Archivio News
13 novembre 2009
PIU' DI 11 MILIONI DI EURO IMPEGNATI DA FVG STRADE PER MANUTENZIONI ORDINARIE NEL 2009

Più di 11 milioni di euro sono stati impegnati nell'anno in corso da Fvg Strade per lavori di manutenzione ordinaria lungo i circa mille chilometri di strade gestiti dalla Società in tutto il Friuli Venezia Giulia.

Il dato è stato sottolineato dal presidente Paolo Polli nel corso della riunione del consiglio d’amministrazione di FVG Strade chiamata ad esaminare la situazione di bilancio al 30 settembre scorso.

Riunione che ha visto anche approvare le linee guida e di indirizzo, illustrate dal presidente Polli e dal direttore generale Oriano Turello, per il 2010, nel quale si prevedono circa 14 milioni di euro di investimenti in manutenzioni ordinarie (asfaltature, rifacimenti di segnaletica, interventi sulla vegetazione e, in area montana, sgombero neve) ed ulteriori 20 milioni di euro per manutenzioni a carattere straordinario e per potenziamenti infrastrutturali.

E’ stato inoltre esaminato lo stato delle opere in corso così come previsto dal Piano FVG Strade per il 2009. In particolare, è stato affrontato il nodo della “variante di Mariano”, procedendo con la nomina del cosiddetto responsabile unico del procedimento di quest’opera tanto attesa ed i cui lavori inizieranno nel secondo semestre del 2010.

A breve, ha quindi confermato il presidente Polli, la Regione, con l’assessore alla Viabilità e Trasporti Riccardo Riccardi, e FVG Strade valuteranno congiuntamente la revisione del Piano triennale, con l’indicazione delle priorità da affrontare anche in relazione al prossimo avvio della realizzazione della terza corsia della A4 ed all’analisi dei tempi necessari per la messa in sicurezza della strada regionale 56 e delle statali 13 e 14, che vedranno incrementare i rispettivi flussi di traffico a causa dei lavori lungo l’autostrada Venezia-Trieste.

Il consiglio d’amministrazione ha infine approvato l’eliminazione del pagamento dei canoni per lavori di posa e messa in opera di cavi, tubazioni, linee elettriche che attraversano o corrono lungo il sedime stradale dovuti dagli Enti locali che, anche indirettamente, apportano miglioramenti alla sicurezza della rete stradale, come ad esempio gli adeguamenti dell’illuminazione pubblica.