stampa
  invia
Archivio News
18 giugno 2010
FVG STRADE S.p.A. BRACCIO OPERATIVO DELLA REGIONE
Si è svolto ieri, giovedì 17 giugno, la prima riunione operativa del CdA di FVG Strade S.p.A. dopo la nomina del nuovo Presidente ed Amministratore delegato Giorgio Santuz.
Alla riunione ha partecipato l'Assessore regionale alla Mobilità e Infrastrutture di trasporto Riccardo Riccardi, che nell'augurare buon lavoro ai nuovi amministratori ha riaffermato l'importanza di FVG Strade quale "braccio operativo dell'Amministrazione regionale per la riqualificazione della rete stradale del Friuli Venezia Giulia", lavorando in stretta "relazione operativa" con Autovie Venete e mantenendo un rapporto con ANAS e Società Autostrade dal un lato, con gli Enti locali e le loro esigenze dall'altro.
Nel corso dell'incontro si è convenuto sulla necessità che FVGStrade, "società fresca e giovane, con una forte solidità tecnica e professionale", come ha puntualizzato Riccardi, sappia governare la partita degli interventi di natura manutentiva e di ammodernamento della viabilità ordinaria, anche in vista dell'aumento dei flussi di traffico in concomitanza con i lavori della terza corsia dell'autostrada A4.

In questo contesto è stato ricordato come già nel corso del 2010 saranno definiti i bandi per il completamento del programma di realizzazione di una sessantina di nuove rotatorie per oltre 51 milioni di euro di investimenti, mentre proprio in questi giorni è stata aggiudicata un'opera importante quale la variante di Mariano per circa 23 milioni di euro. Parallelamente si sta operando per dare una soluzione ai temi della tangenziale Sud di Udine. Inoltre l'assessore ha comunicato al CdA l'assegnazione delle risorse, pari a circa 32 milioni, necessarie alla realizzazione delle varianti di Dignano e di Barbeano sull'asse Nord della Pontebbana (direttrice Splimbergo-Dignano).

Per tutto questo sarà fondamentale anche una integrazione tecnica con Autovie, in un'ottica "di razionalizzazione delle strutture preposte alla mobilità", ha detto il presidente Santuz, che ha sostenuto come FVG Strade debba essere sempre di più una "società del territorio", vicina a Comuni e Province.

Nell'evidenziare la continuità con la precedente gestione, cui va il riconoscimento della Regione per aver saputo gestire bene il delicato passaggio dall'ANAS (con cui peraltro rimangono ancora da definire diversi aspetti) Riccardi, Santuz e i nuovi amministratori sono stati concordi nell'affidare a FVG Strade anche un significativo ruolo sulle politiche della sicurezza, attraverso campagne informative ed educazionali rivolte prioritariamente alle scuole.

Non è mancato da parte del presidente Santuz un riferimento alla precisa volontà del nuovo CdA di snellire e semplificare gli interventi, favorendo nel contempo la velocità dei pagamenti. "I nostri interlocutori, piccoli industriali e artigiani - ha detto - non vanno lasciati in sofferenza soprattutto nell'attuale difficile congiuntura economica".