stampa
  invia
Archivio News
9 maggio 2011
SABATO 7 MAGGIO: INAUGURATA LA PISTA CICLABILE "GRADO-BELVEDERE"
E' stata aperta sabato 7 maggio da Grado a Belvedere quella che oggi può considerarsi la più lunga pista ciclabile lagunare d'Europa, che si sviluppa dall'"isola del Sole" ad Aquileia per quasi 5 chilometri.
Una pista (parallela alla strada regionale 352 "di Grado"), per la cui realizzazione sono stati complessivamente impegnati quasi 2 milioni di euro, che a fine estate o nel primo periodo autunnale sarà estesa sino a Palmanova, come ha sottolineato l'assessore regionale alla Viabilità e Trasporti Riccardo Riccardi, intervenuto alla cerimonia d'apertura assieme all'assessore regionale alle Attività produttive Federica Seganti, al presidente del Consiglio regionale Maurizio Franz, al commissario comunale di Grado, Giovanni Blarasin, al presidente di FVG Strade Giorgio Santuz.
L'opera è stata realizzata grazie ad un intervento finanziario di FVG Strade per 1,25 milioni di euro e del Comune di Grado per 600 mila euro, con la posa di nuove barriere di sicurezza in legno (al posto del guard-rail in metallo) di maggior pregio estetico e più adatte al contesto ambientale e l'installazione di un semaforo a chiamata per l'attraversamento in sicurezza della SR 352 da parte di ciclisti e pedoni, oltreché la pavimentazione.
La pista Grado-Belvedere è la "parte" finale di quel percorso cicloturistico - la ciclovia Alpe Adria - ha ricordato l'assessore Riccardi, che parte da Salisburgo, attraversa la Carinzia (nel giugno dello scorso anno i presidenti Renzo Tondo e Gerhard Doerfler avevano inaugurato il tratto Arnoldstein-Coccau) per giungere sino al litorale adriatico dopo circa 400 chilometri.
Nel corso della cerimonia, il presidente di FVG Strade Giorgio Santuz ha voluto inoltre fare riferimento al contesto ambientale sottolineando la perfetta sintonia con l'opera realizzata, ma soprattutto alla maggiore sicurezza di entrambi i percorsi, carrabile e ciclabile, a seguita anche del concomitante allargamento della carreggiata.