stampa
  invia
Archivio News
27 maggio 2011
FVG STRADE SpA: APPROVATO IL BILANCIO DI ESERCIZIO 2010
''Sostanziale piena utilizzazione'' delle risorse trasferite dalla Regione a FVG Strade: è questo il risultato più significativo che la società, come oggi ha sottolineato in sede di assemblea il suo presidente Giorgio Santuz all'assessore regionale alla Viabilità e Trasporti Riccardo Riccardi, presenta all'azionista unico, cioè all'Amministrazione del Friuli Venezia Giulia.
Nel corso del 2010, è stato infatti sottolineato oggi a Trieste nel corso dell'illustrazione del bilancio di FVG Strade dell'anno passato, la Regione ha trasferito risorse finanziarie per 42,167 milioni di euro (al netto dell'IVA), di cui quasi il 90 per cento è stato ''investito e utilizzato per la manutenzione ordinaria e straordinaria'' della rete gestita da FVG Strade, pari a circa mille chilometri di viabilità.
Ma a FVG Strade, ha ricordato Santuz, la Regione ha anche affidato ''in delegazione amministrativa'' la realizzazione di nuovi interventi viari che a fine 2010 ammontavano complessivamente a oltre 120 milioni di euro: tra questi, la ''variante di Mariano'' (22,5 mln. di euro, che ''sta per partire'' ha annunciato il presidente), la variante di Dignano e il collegamento di Barbeano, prossimamente in gara, le realizzazioni della viabilità dell'Area del Mobile e dell'asse Pasiano-Azzano Decimo (48 mln. di euro), le sistemazioni degli incroci tra provinciale 19, statale 14 e strada regionale 305 ''di Redipuglia'' nei comuni di Ronchi dei Legionari e Monfalcone (7,6 ml.) e della sr 252 ''Napoleonica'' (4 mln.), la costruzione di un cavalcavia a Zoppola e di una strada di collegamento a via Risera (3,65 mln.) nell'ambito dei lavori di riattamento della statale 13.
''FVG Strade a servizio del territorio'' dunque, ha osservato Santuz, le cui attività vengono ritenute strategiche dalla Regione non solo in considerazione del fatto che si prosegue nell'opera di costante ammodernamento della rete regionale ma anche in quanto si offre, grazie ai numerosi cantieri aperti in regione, una significativa ''risposta'' all'economia regionale, ha sottolineato Riccardi. La società, nata a fine 2007, ha superato le sue prime due fasi organizzative, quella del passaggio della rete regionale da ANAS e il suo assestamento gestionale, ha aggiunto l'assessore: ora è indispensabile, snellendo ulteriormente procedure e assetti, dare un'ulteriore accelerazione alle sue attività. E in questo contesto, ha aggiunto Riccardi, FVG Strade e Regione devono congiuntamente operare per eliminare del tutto quel ''balzello medioevale'' ancora oggi rappresentato dalla tassa sui passi carrai.