stampa
  invia
Archivio News
26 ottobre 2011
SICUREZZA STRADALE: PREMIAZIONI DEL CONCORSO "SICURAMENTE"
La Regione non è impegnata esclusivamente a realizzare grandi infrastrutture per favorire la ripresa e la crescita economica del Friuli Venezia Giulia, ma si prodiga anche per diffondere la cultura della sicurezza stradale tra i giovani, affinchè possano divenire efficaci comunicatori di comportamenti virtuosi al volante o alla guida di mezzi a due ruote.
Sono questi i motivi che hanno spinto l'Amministrazione regionale ad avviare insieme a FVG Strade SpA e all'Ufficio Scolastico Regionale la campagna di educazione "SicuraMENTE" rivolta agli alunni ed agli studenti delle scuole del Friuli Venezia Giulia, nel cui ambito si sono svolte lo scorso 20 ottobre ad Udine le premiazioni del concorso di idee (riservato agli istituti superiori) per la realizzazione di una campagna pubblicitaria sulla sicurezza stradale, con la partecipazione degli assessori regionali alla Viabilità e ai Trasporti Riccardo Riccardi, ed alla Salute e alle Politiche sociali Vladimir Kosic, del direttore generale dell'Ufficio Scolastico Regionale Daniela Beltrame e del presidente di FVG Strade Giorgio Santuz. Al concorso, promosso di concerto tra Regione, FVG Strade, Ufficio Scolastico Regionale, Polizia stradale, Aziende per i Servizi Sanitari, Università di Udine e di Trieste, hanno partecipato circa 3.000 allievi delle classi II e IV di dieci scuole di tutte le province della regione.

Nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi presso l'istituto "Bonaldo Stringher" di Udine, lo stesso Riccardi ha voluto sottolineare l'entusiasmo con il quale numerosi gruppi di studenti hanno aderito al concorso, proponendo una cinquantina di elaborati che il direttore Beltrame ha definito di ottima qualità, a testimonianza della sensibilità degli studenti, delle famiglie e degli insegnanti per questa iniziativa. Una Regione moderna e impegnata a valorizzare i traffici, ad ottimizzare la percorribilità delle strade, ad adeguare la propria rete viaria - ha osservato l'assessore Riccardi - non può permettersi di trascurare gli aspetti legati all'educazione stradale che debbono diventare materia d'insegnamento nelle scuole. Questa campagna è un primo passo, secondo Riccardi, che sarà seguito da altre iniziative di sensibilizzazione, mirate soprattutto ai più giovani, ampliando il target dei ragazzi da coinvolgere nella campagna (da 3 a 4.000 allievi) ed il numero delle scuole interessate (15 istituti superiori). L'assessore Kosic ha quindi ricordato gli obiettivi principali della Regione nel settore della salute, tra i quali vi è certamente la riduzione delle vittime di incidenti stradali: soltanto con la mente libera, con serenità e attenzione - ha affermato Kosic - è possibile guidare con maggiore sicurezza. Le iniziative in atto, e gli interventi dell'Amministrazione regionale per migliorare la viabilità, per Kosic hanno già consentito di ridurre le vittime della strada, ma le cifre dell'incidentistica stradale sono ancora alte ed un ulteriore e fondamentale passo è proprio quello compiuto attraverso azioni di sensibilizzazione diretta, come "SicuraMENTE", efficace "alleanza" tra le istituzioni per promuovere la vita e la sicurezza sulle strade.

La cerimonia, condotta dal giornalista Mario Mirasola, è stata animata dagli interventi dei dirigenti scolastici del "Volta" di Trieste e "Stringher" di Udine, Clementina Frescura ed Anna Maria Zilli, di Laura Tamburini, coordinatore del progetto per l'Ufficio Scolastico Regionale, e di Alberto Polimanti, regista della trasmissione Rai "A ruota libera". A vincere il primo premio nelle diverse sezioni, come stabilito da una giuria di esperti nominata per l'analisi di tutti gli elaborati presentati, sono stati gli istituti "Alessandro Volta" di Trieste per la sezione letteraria, "Dante Alighieri" di Gorizia per la sezione musica e spettacolo, "Giovanni Antonio Pujati" di Sacile per la sezione arti figurative. I numerosi riconoscimenti hanno consentito di assegnare complessivamente 15.000 euro ai gruppi di ragazzi partecipanti.