stampa
  invia
Archivio News
24 dicembre 2018
DAL 1° GENNAIO 2019: OBBLIGO DI FATTURAZIONE ELETTRONICA

 

Dal 1° gennaio 2019 entra in vigore l’obbligatorietà della fatturazione elettronica; pertanto le fatture di FVG Strade SpA indirizzate agli utenti saranno emesse esclusivamente utilizzando il Sistema di Interscambio (SDI) .

 

Al fine di poter adempiere al suddetto invio è necessario disporre del Vostro codice destinatario composto di 7 cifre rilasciato dal Sistema di Interscambio o, in alternativa, dell’indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) a cui trasmettere le fatture elettroniche. I Clienti persone fisiche sprovviste di PEC dovranno indicare il seguente codice 0000000.

 

Inoltre per permettere la registrazione nei termini di legge delle fatture emesse, il Cliente dovrà trasmetterci l’evidenza del pagamento , da effettuarsi esclusivamente mediante bonifico bancario, entro 5 giorni consecutivi dall’effettuazione del bonifico.

 

Pertanto per procedere con l’accoglimento delle istanze per Licenze e Concessioni e Pubblicità sarà necessario ricevere unitamente alla domanda l’evidenza del bonifico e il modulo M.16.17 scaricabile dal sito nelle “sezione servizi al cittadino/autorizzazioni e concessioni” e “servizi al cittadino/pubblicità”

 

In caso di istanza presentata senza l’utilizzo del modulo M16.17 o oltre i 5 giorni dal versamento delle spese, Friuli Venezia Giulia Strade S.p.A. non accoglierà l’istanza e rimborserà le somme versate.”

 

Per i fornitori:

Dal 1° gennaio 2019 i codici per l'invio di fatture a FVG Strade SpA sono i seguenti:

PEC: fatturazioneelettronica@fvgs.postecert.it

CODICE DESTINATARIO: MJ1OYNU

 

21 dicembre 2018
LAVORI DI SOMMA URGENZA SR 355: RIAPERTO A TEMPO RECORD IL PONTE SUL DEGANO A COMEGLIANS

“Quando c’è la volontà di collaborazione tra Enti e con avveduti operatori economici si possono ottenere egregi risultati”: così il Presidente di Friuli Venezia Giulia Strade SpA, Raffaele Fantelli, evidenzia l’attenzione posta al territorio gravemente colpito dalle eccezionali condizioni meteo di fine ottobre.

 

Dopo il grande impegno dimostrato dalla società regionale fin dai primi momenti successivi al 28 ottobre, quando la Val Degano e le zone limitrofe sono state colpite dalle abbondantissime piogge e raffiche di vento che hanno sfiorato i 200 km/h provocando gravi compromissioni della stabilità dei versanti adiacenti le strade, schianto di notevoli quantità di alberature sui piani viabili assieme a materiale detritico e massoso e conseguenti erosioni stradali, a tempo record è stato infatti riaperto al transito in entrambi i sensi di marcia il ponte sul torrente Degano in comune di Comeglians.

 

Nella nottata del 29 ottobre parte del ponte al km 13+500 era crollata a seguito delle eccezionali condizioni meteorologiche, con conseguente interdizione totale del traffico sulla SR 355 che collega il Friuli Venezia Giulia al Veneto. “Non dimentichiamo che il nostro primo impegno è quello di salvaguardare la sicurezza dell’utenza stradale – prosegue Fantelli - e per questo motivo abbiamo avuto la necessità di intervenire nell’immediato con la chiusura della strada nel tratto così colpito”. Già dopo i primi giorni, al fine di evitare l’isolamento della zona e di permettere seppur parzialmente il ripristino del traffico veicolare, si era approntato un by-pass provvisorio sul ponte comunale in ferro; successivamente, dal 19 novembre era stato ripristinato il traffico a senso unico alternato, con minori limitazioni di portata, utilizzando la pista di cantiere adiacente al ponte lesionato. Ora, terminati i lavori di ripristino, da venerdì 21 il ponte è riaperto al transito in entrambe le direzioni di marcia, garantendo la piena funzionalità della viabilità e dei collegamenti con il Veneto già in questo periodo di presumibile maggior traffico viste le giornate festive.

 

L’Assessore regionale alle infrastrutture Graziano Pizzimenti, subito informato della riapertura, plaude all’impegno dei tecnici di FVG Strade, ringraziando sia i vertici societari che le maestranze per l’impegno e la professionalità dimostrati fin dalle prime ore e per l’attenzione posta alle esigenze del territorio in una situazione di così importante criticità.

 

19 dicembre 2018
LAVORI DI RINFORZO DEL PONTE DI PAGNACCO SULLA "OSOVANA": LIMITAZIONE TEMPORANEA A 20 TON.

Friuli Venezia Giulia Strade SpA informa che sarà eseguito nei prossimi giorni l’intervento di rinforzo dell’impalcato del ponte sul torrente Cormor, in Comune di Pagnacco, sulla SR UD 49 “Osovana” in corrispondenza della progressiva chilometrica 3+100.

 

Tenuto conto del notevole flusso di traffico che percorre tale arteria stradale, al fine di ridurre per quanto possibile i disagi alla circolazione il ponte resterà aperto in entrambi i sensi di marcia ma con limitazioni di velocità a 30 km/h e con divieto di transito ai veicoli di massa a pieno carico superiore a 20 tonnellate fino alla conclusione dell’intervento. Il traffico di massa superiore alle 20 ton. proveniente dall’area a Nord di Pagnacco e diretto verso Udine e viceversa con percorrenza SR UD 49 “Osovana” sarà pertanto deviato su altra viabilità, in particolare sulla SS 13 “Pontebbana”.

14 dicembre 2018
INTERVENTO DI MIGLIORAMENTO STATICO: DA LUNEDI 17/12 SENSO UNICO ALTERNATO SUL PONTE DI PAGNACCO (SR UD 49 "OSOVANA")

FVG Strade SpA informa che, a seguito delle verifiche tecniche eseguite sul ponte ad arco in comune di Pagnacco al km 3+100 della SR UD 49 “Osovana”, da lunedì 17 sarà istituito un senso unico alternato regolato da impianto semaforico.

 

La regolamentazione del traffico a senso unico alternato, insieme alla limitazione di velocità e di carico a 44 ton per tutti i mezzi eccezionali, si rende necessaria per consentire un primo intervento urgente di rinforzo dell’arcata del ponte in territorio di Pagnacco in prossimità del bivio per loc. Branco, a salvaguardia della sicurezza della viabilità. Previsione conclusione lavori: entro la fine dell’anno in corso.

 

Tenuto conto del notevole flusso di traffico che percorre tale arteria stradale da Osoppo a Udine, FVG Strade sconsiglia l’utilizzo della strada “Osovana” per le percorrenze da Osoppo – Buja verso Udine – tangenziale Ovest e viceversa, suggerendo percorsi alternativi (SS 13 “Pontebbana” o percorso autostradale tratto casello Udine Nord / casello Udine Sud), in modo tale da contenere per quanto possibile le situazioni di congestione del traffico.

 

14 dicembre 2018
RATEIZZAZIONE CANONI DI CONCESSIONE E PUBBLICITA' STRADALE

Vista la recente emissione delle fatture concernenti i canoni di Concessione e Pubblicità stradale per l'anno 2018, Friuli Venezia Giulia Strade S.p.A. ha disposto di accordare agli utenti la possibilità di pagamento rateale delle fatture di importo superiore a € 1.000,00 a seguito di presentazione di apposita richiesta da inviare a: ragioneria@fvgs.it.

La dilazione del pagamento sarà concessa con la seguente rateizzazione:

- da 1.000,00 a 2.000,00 euro: 2 RATE
- da 2.000,01 a 5.000,00 euro: 4 RATE
- da 5.000,01 a 10.000,00 euro: 6 RATE
- da 10.000,01 a 30.000,00 euro: 9 RATE
- importi superiori a 30.000,01 euro: da valutare con la Società

Al termine del piano di rateizzazione verrà richiesto agli utenti il pagamento degli interessi legali previsti in corso d'anno mediante l'emissione di apposita fattura.

7 dicembre 2018
SR 355 DAL KM 23 AL KM 25+800: DAL 10 DICEMBRE TRAFFICO INTERDETTO DALLE 10,00 ALLE 12,00 ESCLUSI SAB, DOM E FESTIVI

Friuli Venezia Giulia Strade SpA comunica che per consentire la prosecuzione dei lavori urgenti di ripristino funzionale della sede stradale della SR 355 gravemente compromessa dagli eventi meteorologici dei giorni 29 e 30 ottobre 2018, nel tratto compreso tra il km 23+000 e il km 25+800 dal 10 dicembre (esclusi sabati, domeniche e giorni festivi) il traffico veicolare e pedonale sarà interdetto dalle ore 10,00 alle ore 12,00.

Nel medesimo tratto è istituito un senso unico alternato della lunghezza massima di 150 metri regolato da movieri con limitazioni di velocità e divieto di sorpasso per tutti i veicoli; potranno essere effettuate brevi e saltuarie chiusure al transito secondo le necessità di cantiere.

 

3 dicembre 2018
LAVORI DI SOMMA URGENZA SULLA SR 355: FVG STRADE RISPONDE ALLE ESIGENZE DEL TERRITORIO

“Quando c’è la volontà di collaborazione tra Enti e con avveduti operatori economici si possono ottenere egregi risultati”: così il Presidente di Friuli Venezia Giulia Strade SpA, Raffaele Fantelli, evidenzia l’attenzione posta alle istanze presentate dal territorio.

 

Nell’ambito dei lavori di somma urgenza per il ripristino funzionale della sede stradale della SR 355 “della Val Degano”, gravemente compromessa a seguito degli eventi meteorologici dei giorni 29 e 30 ottobre e interrotta al traffico a fasce orarie dal km 23 al km 25, la società regionale ha infatti accolto l’appello dell’Amministrazione comunale di Forni Avoltri cercando il modo di limitare il disagio dei residenti e del traffico veicolare di passaggio, anche in considerazione delle prossime festività del mese di dicembre.

Tale istanza è stata quindi fatta propria da FVG Strade che, dopo il sopralluogo effettuato nei giorni scorsi insieme al Comune e alla Protezione Civile per valutare la possibilità di apertura di una pista forestale e bypassare il tratto compromesso, in sinergia con l’impresa appaltatrice dei lavori ha invece appurato che massimizzando il numero di operatori impegnati nel disgaggio potrà contrarre i tempi di questa prima fase da eseguirsi necessariamente con chiusura al traffico veicolare.

 

“Non dimentichiamo che il nostro primo impegno è quello di salvaguardare la sicurezza dell’utenza stradale – prosegue Fantelli - e per questo motivo abbiamo avuto la necessità di intervenire nell’immediato con la chiusura della strada nel tratto così colpito. Già in questa prima fase, per contenere quanto più possibile il disagio, abbiamo optato per la chiusura a fasce orarie esclusi sabati, domeniche e festivi. Ora, grazie alla disponibilità e al lavoro incessante degli operatori di FVG Strade e dell’impresa appaltatrice, nonostante la vastità della superficie da disgaggiare siamo riusciti a rivedere le tempistiche. Contiamo quindi di concludere questa prima fase e riaprire (seppure in ambito di cantiere) entro il 7 dicembre, per poi continuare i necessari lavori di messa in sicurezza prevedendo altre chiusure che saranno però modulate in maniera più flessibile”. L’Assessore regionale alle infrastrutture Graziano Pizzimenti plaude all’impegno dei tecnici di FVG Strade ringraziando la società, oltre che per l’impegno e la professionalità dimostrati fin dalle prime ore, anche per l’attenzione posta alle esigenze del territorio in una situazione di così importante criticità.

 

Il vice Sindaco di Forni Avoltri Manuele Ferrari esprime massima soddisfazione, anche a nome del Sindaco Clara Vidale, con la quale aveva condiviso la forte preoccupazione per la chiusura della S.R. 355 in località Temerat inizialmente prevista fino al 20 gennaio prossimo. “La lieta ed auspicata notizia dell'apertura anticipata della strada  per inizio dicembre soddisferà sicuramente e darà la giusta tranquillità a tutti i cittadini che vivono in alta Val Degano e che devono recarsi ogni giorno a valle, sia per motivi di lavoro che per altre necessità, in primis per esigenze legate alla salute. Questa positiva decisione porterà anche a tutte le aziende e agli operatori di attività turistico ricettive di Forni Avoltri e Sappada una ventata di ottimismo e speranza, in previsione dell'imminente inizio della stagione turistico-sportiva invernale. Quindi un grazie di cuore e un plauso al Presidente di FVG Strade Fantelli e a tutti suoi validi operatori, con i quali esiste da sempre un'ottima collaborazione, per aver individuato una soluzione che accoglie e soddisfa l'appello di tutto il Consiglio Comunale di Forni Avoltri. Non di meno, un sentito ringraziamento va anche al Direttore Regionale della Protezione civile, dottor Amedeo Aristei, per la preziosa collaborazione data per la soluzione del problema e all'Assessore Pizzimenti, rinnovando l'invito in Val Degano al fine di illustrare ed affrontare in maniera coordinata tutte le problematiche del territorio”.