stampa
  invia
REALIZZAZIONE NUOVI DISTRIBUTORI CARBURANTI FUORI E IN CENTRI ABITATI

La richiesta potrà essere accolta solamente se gli accessi carrai non costituiscono pericolo o pregiudizio per la viabilità e nel rispetto delle prescrizioni di cui agli artt. 22 e 24 del Codice della Strada e dell’art. 45, 46, 60, 61 e 62 del Regolamento al Codice della Strada.
Dovranno essere rispettate inoltre le disposizioni regionali e le norme e circolari ANAS Spa in materia di distributori carburanti e relative aree di servizio.
Nel caso di mancato accoglimento potrà essere proposta una nuova posizione o una soluzione alternativa.
Durante la realizzazione degli accessi carrai e della relativa aiuola spartitraffico non dovrà essere occupata la sede stradale da materiali o mezzi.
Va comunque posta la segnaletica da cantiere così come prevista dal Codice della Strada (artt. 20 e 21) e relativo Regolamento al Codice (articoli dal 29 al 43) e dal Decreto Ministeriale del 10.07.2002 “Disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati per categoria di strada, da adottare per il segnalamento temporaneo”.
Per quanto applicabili si rammenta che dovranno essere rispettate le disposizioni del D.Lgs. 9/04/2008 n 81 relativo alle misure di sicurezza nei cantieri.
Documentazioni da allegare alla domanda per realizzazione nuovi distributori carburanti.

Alla domanda dovranno essere allegate n. 2 copie delle seguenti documentazioni firmate da un tecnico abilitato:
  1. Relazione descrittiva;
  2. Planimetria catastale di zona con evidenziata la proprietà della ditta richiedente;
  3. Planimetria scala 1:100 dell’impianto con relativi accessi carrai, pensiline, colonnine di distribuzione carburante, caditoie, fabbricati distinti per tipologia e categoria;
  4. Una sezione stradale trasversale in scala 1:100 in corrispondenza degli accessi, dell’aiuola spartitraffico, di tutta la sede stradale con indicato il bordo bitumato, le banchine, gli eventuali fossi, muri o scarpate esistenti, fino al limite della proprietà dell’impianto;
  5. Particolari costruttivi degli accessi carrai e dell’aiuola spartitraffico in scala 1:50 (tubi, muretti, scatolari, rampe, cordoli e simili) compresa la collocazione puntuale dell’impianto di illuminazione interna;
  6. Adeguato elaborato grafico rappresentante l’impianto di smaltimento delle acque e liquami reflui;
  7. Estratto dello strumento urbanistico della zona interessata (grafico e regolamento).
In caso di necessario approfondimento potranno essere richieste ulteriori documentazioni, utili alla definizione dell’istanza.